Più batteri nella barba umana che nel pelo dei cani

Barba e dermatite seborroicaIn passato era divenuta demodé. Da qualche anno è tornata a essere uno status symbol, tanto da vederla sul viso di una quantità crescente di giovani. Stiamo parlando della barba. Non tutti sanno però che tra la peluria che ricopre il volto di molti uomini si nascondono più germi di quelli presenti nel pelo dei cani.

A lanciare il curioso avviso è stato un recente studio svizzero, condotto nell’Hirslanden Klinik e pubblicato su European Radiology.

La ricerca

Gli esperti hanno voluto verificare se per gli uomini esistesse il rischio di contrarre una malattia caratteristica dei cani. Hanno perciò prelevato dei campioni dalla barba di diciotto uomini, tutti di età compresa fra i 18 e i 76 anni, e dal collo di trenta cani di varie razze, confrontando i risultati.

Dal raffronto è emerso che risultava un carico batterico decisamente più alto nei campioni prelevati dalla barba maschile rispetto a quelli che provenivano dal pelo dei cani.

La conclusione? “Sulla base dei nostri risultati, il manto canino può essere considerato ‘pulito’ rispetto alla barba maschile“, hanno osservato i ricercatori.

Lo studio ha inoltre riscontrato che i microbi presenti sulla barba maschile sono significativamente più patogeni per gli esseri umani.

Vista la dimensione limitata dei soggetti coinvolti, i ricercatori hanno tuttavia evidenziato la necessità di condurre ulteriori approfondimenti. In più, hanno proposto l’estensione di ricerche analoghe anche ai capelli delle donne che, a loro avviso, potrebbero presentare altrettanti batteri.

Indipendentemente dai risultati dello studio, per chi ha l’abitudine di tenere la barba lunga è essenziale prestare molta attenzione alla sua cura quotidiana della stessa. In questo modo si eviteranno spiacevoli inconvenienti come la fastidiosa e antiestetica forfora della barba.

Articoli simili che potrebbero interessarti