Dermatite seborroica: domande frequenti

dubbi sulla dermatite seborroicaLa dermatite seborroica è un problema che si sta diffondendo con crescente intensità, probabilmente anche a causa dell’inquinamento. Aumenta di conseguenza il numero di persone alla ricerca di risposte sulle cause e i rimedi di questa infezione cutanea. Ecco un elenco di alcune tra le domande più frequenti.

La forfora e la dermatite seborroica sono la stessa cosa?
Non si tratta della medesima cosa. La forfora è una patologia del cuoio capelluto contraddistinta da una desquamazione eccessiva. A differenza della dermatite seborroica, in caso di forfora non è però presente alcuna infiammazione.

La dermatite seborroica può essere prevenuta?
Sì, alcuni accorgimenti aiutano a prevenire la comparsa di dermatite seborroica. Tra i più importanti:

  • evitare l’uso di shampoo sgrassanti, poiché invece di ridurre il sebo rischiano di aumentarlo;
  • spazzolare con cura i capelli in tutte le direzioni per facilitare la rimozione delle squame, che in caso contrario finiscono per soffocare i bulbi piliferi;
  • seguire una dieta equilibrata, ricca di frutta e verdura, includendo inoltre pesce, cereali integrali, soia e legumi;
  • evitare di consumare cibi piccanti, bibite alcoliche e alimenti fritti, troppo grassi o con una quantità eccessiva di zuccheri.

Come si cura la dermatite seborroica?
La dermatite seborroica è una malattia che risponde generalmente ai trattamenti, ma può ripresentarsi. Tra le sostanze maggiormente usate per la cura vi sono: antimicotici, zinco piritione, solfuro di selenio e preparati a base di acido salicilico e zolfo. Uno dei trattamenti più recenti, noto per la grande efficacia, è l’Alukina, composto polifunzionale naturale costituito da un’associazione di allume di rocca, acido glicirretico (estratto della liquirizia) e Retinil Palmitato. Oltre all’evidente rapidità di azione (le lesioni provocate dalla dermatite scompaiono in due settimane e in alcuni casi dopo solo una settimana di applicazione), la novità più significativa introdotta dal trattamento è che per la prima volta, utilizzando l’alukina, le recidive rappresentano l’eccezione e non la regola.

Se in questo articolo non avete trovato la risposta che cercavate, potete scrivere ai nostri esperti che chiariranno ogni vostro dubbio sulla dermatite seborroica. Per contattarli cliccate QUI.

Articoli simili che potrebbero interessarti